Aberrations  è un progetto di Burned Blackpot aka Paolo Cazzaro  Testi e disegni sono  coperti da copyright.

  • Wix Facebook page
  • Wix Twitter page
  • Wix Google+ page

Orate et ostriche

Friday, March 2, 2018

Factorum et dictorum memorabilium libri IX,  al libro nono  dedicato alla lussuria, cita come esempio di massima espressione Sergio Orata, probabilmente il primo imprenditore della storia che si è occupato di piscicoltura e di allevamento dei mitili. A lui si deve l'affinamento delle ostriche tarantine nel  lago Lucrino e la realizzazione delle pensiles balneae, Valerio Massimo storico romano del I sec. a.C.  nel  suo manuale di esempi morali, le prime piscine per l'allevamento di Sparus aurata ad acqua riscaldata, utilizzando il sistema dell'hippocausto   già in uso negli edifici termali.

 

 

“Gajo Sergio Orata fu il primo che ordinò li bagni pensili “. La quale spesa cominciata con lievi principii, passò infino che si facessero d’ acqua calida su spensa ne li mari. Costui medesimo, a ciò che non avesse sottoposta la sua gola a lo arbitrio ‘del mare, pensò di fare mari per sè ne le sue possessioni, intagliando li marosi di peschiere, e diverse greggie di pesci inchiudendo con margine e cantoni divisi, a ciò che non avvenisse alcuna si crudele tempesta. che la mensa dell’Orata ’ non abbondasse di varietate di vivande. E chiuse con edificii larghi ed alti le bocche del lago di Lucria infino a quello tempo abbandonato, acciò che avesse più fresco uso di conchigli. E mentre ch’elli s’attuffa più desideroso de l’acqua comune, venne in piato con Considio gabelliere. Nel quale piato Lucio Crasso procurando contra colui, disse, che il suo amico Considio errava, il quale pensava che Orata rimosso dal lago avesse difetto d’ostriche, però che se non li fusse licito di trarne quindi, le ritroverebbe ne’tegoli.”

 

Valerio Massimo , Nove libri su fatti e cose varie da ricordare.  Libro IX. De la Lussuria e stemperanza. 

 

 

Hippocausto della villa di Diomede a Pompei.  In:  Daremberg, Saglio, Le Dictionnaire des Antiquités Grecques et Romaines. Paris, 1877.  P. 346

 

 

Home

Please reload