• Wix Facebook page
  • Wix Twitter page
  • Wix Google+ page

Tabula rasa


Sono passati alcuni mesi dall'ultimo post. Non lo nego, l'ennesima sconfitta editoriale mi ha fatto vacillare sulla validità o meno della mia ricerca. Ho comunque deciso di proseguire, perché nuove scoperte mi hanno fatto capire l'importanza del lavoro che sto conducendo attorno alla storia della cucina e alle migliaia di ricette affascinanti che la popolano.

Vorrei ripartire dalla base della nostra cultura alimentare mediterranea: cereali, olio e pomodoro.

Per questo mi affido ad una grande penna che si è occupata in tempi non sospetti di polizieschi e gastronomia

Vi lascio, per riprendervi al più presto, con questi passi leggeri e appassionati di Vázquez Montalbán.

Buona lettura.


E’ indispensabile che tutti gli esseri e tutti i popoli saggi della terra capiscano che pane e pomodoro è un paesaggio fondamentale dell’alimentazione umana. Piatto peccaminoso per eccellenza perchè comprende e semplifica il peccato rendendolo accessibile a chiunque. Piatto peccaminoso in quanto può significare un’alternativa a tutto ciò che è trascendente, se diventa cultura della negazione. Non fate la guerra ma pane e pomodoro. Non votate per la destra ma mangiate pane e pomodoro. No alla NATO si al pane e pomodoro. Ovunque e sempre. Pane. Pomodoro. Olio. Sale.

E dopo l'amore, pane e pomodoro e un pò di salame.


Manuel Vázquez Montalban, Ricette immorali. Milano 1992. pp.40





Home

#storia #Italia #cucinaitaliana #cucinamediterranea #letteratura #VazquezMontalban